Le conseguenze del TEATRO

Giusi Arimatea

Informazioni

Scrivere di teatro è essenzialmente un atto d’amore.
Io di teatro scrivo. E vivo.
Le parole sparse fino a questo momento hanno sempre trovato confortevoli dimore atte ad accoglierle. Una fra tutte, Infomessina, ha fatto sì che ciascuna respirasse aria di casa a pieni polmoni.
Un filo sottile tiene legate le conseguenze di tutto il teatro che ho avuto il privilegio di incontrare. Lo sguardo, senza eccezione, vigile. Molte volte incantato.
Qui si ritrovano i fiumi di parole che ho sparso. Qui si perpetuano le operazioni cui si sono sottoposti il mio spirito, i miei sensi, la mia carne. Qui si perpetua il teatro.
Il rispetto per il lavoro altrui alla base. Poi l’urgenza di rimarcarne i punti di forza. Infine, senza alcuna pretesa di emettere giudizi insindacabili, l’onere di sussurrarne qualche lieve debolezza.
             

“Non nasce teatro laddove la vita è piena, dove si è soddisfatti.
Il teatro nasce dove ci sono delle ferite, dove ci sono dei vuoti”.
                                                    – Jacques Copeau –

Lì comincia la mia storia d’amore.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: